Tempo di raccolta. Cosa ci ha regalato quest’anno.

 La stagione vegetativa 2022 è stata dominata dal caldo estivo, dove abbiamo registrato temperature di circa 5˚C sopra la media, e dalla netta mancanza di precipitazioni, che sono state assenti da aprile ad agosto.  Si dà il caso che i nostri vigneti consolidati abbiano affrontato la stagione in modo eccezionale, con pochissimo stress da caldo, a testimonianza, pensiamo, del nostro particolare terroir e della salute (e dell’ampiezza e profondità) degli apparati radicali. 

Eravamo più nervosi per il benessere dei nostri nuovi impianti, che  hanno tuttavia resistito sorprendentemente bene alle condizioni, anche se poi sono stati molto contenti di vedere le piogge di fine agosto.  Abbiamo raccolto le nostre uve bianche all’inizio di settembre, ma abbiamo iniziato a raccogliere i frutti rossi solo il 22 settembre, in anticipo ma non così presto come altri – per esempio, i coltivatori dalla Franciacorta alla Sicilia stavano raccogliendo i frutti all’inizio di agosto.  Tuttavia, non è una cosa che si può fare facilmente con il Sangiovese: questo vitigno autoctono toscano non apprezza la fretta.  Quindi, c’è ben poco da fare se non aspettare, con pazienza ma anche un po’ di agitazione.

La mancanza di pioggia ha fatto sì che non ci fosse alcun rischio di malattia nei nostri vigneti, le uve sono cresciute in piccoli grappoli serrati ed erano perfettamente sani all’inizio dell’invaiatura.  In annate come questa, c’è sempre la sensazione che anche la resa sarà ridotta, e questo è certamente vero, ma abbiamo anche la sensazione, in questa fase, che la qualità sia molto promettente.  Ora i vini si prenderanno il loro tempo in cantina per crescere e svilupparsi e non vediamo l’ora di condividerli con voi tra un paio d’anni.

TOP

Carrello 0